FANDOM


14280-kallen 38 super

Kallen Kozuki

Appartenente a un’altolocata famiglia britanna, Kallen Stadtfeld nasconde una doppia identità. Per metà, da parte di madre, la ragazza è infatti giapponese e prova un senso d’appartenenza maggiore a questo suo lato più che a quello britanno. Sorella minore di Naoto Kozuki, leader del movimento ribelle morto in circostanze non note tempo prima, Kallen eredita il suo sogno, diventando una ribelle a sua volta e vedendo nell’arrivo di Zero la concretizzazione dei suoi sogni. In apparenza è una studentessa dalla debole costituzione fisica, riservata e tranquilla. Frequenta a sua volta il secondo anno dell’Ashford, è membro del Consiglio Studentesco e pur assentandosi spesso, ha ottimi voti. In realtà, il vero motivo delle sue frequenti assenze, imputate alla salute cagionevole, è da ricercarsi nell’attività terroristica che la ragazza svolge in parallelo alla sua vita di facciata. In origine pilota un Glasgow, ma in seguito alla sua distruzione, le viene affidato il Guren Nishiki dallo stesso Zero. Formidabile in combattimento, è responsabile della sconfitta di Jeremiah Gottwald, tiene testa abilmente persino a Cornelia e riesce a fronteggiare facilmente lo stesso Lancelot. Ha un rapporto ambivalente con la madre: la donna, rimasta a vivere come cameriera presso gli Stadtfeld, è spesso oggetto di angherie da parte della moglie legale, la matrigna di Kallen. Per questa sua passività, la ragazza sembra odiare la madre, ma resasi conto delle sue vere intenzioni, vale a dire, il continuare a proteggere la figlia standole accanto in qualunque modo, non esita a salvarla e a riconciliarsi.  Ignara della vera identità di Zero, inizialmente sospetta di Lelouch, ma grazie all’astuzia del ragazzo, i suoi dubbi sembrano scomparire. Animata da grande lealtà e profonda ammirazione per l’uomo ( e molto spesso punzecchiata da C.C. che la ritiene innamorata di lui ) , rifiuta, nell’episodio 12, di conoscerne la vera identità. Nominata comandante della squadra Zero ( la sua “Guardia Reale” ) , viene sobillata da Diethard affinché dimostri la sua fedeltà uccidendo Suzaku durante la festa per la sua nomina a cavaliere. L’intervento di Lelouch, però, fa sì che il piano fallisca. Successivamente, nello scontro sull’isola di Shikinejima, l’intervento della Avalon e un misterioso black out fanno ritrovare tutti sull’isola di Kaminejima. Kallen, nel tentativo di salvare Zero, si ritrova faccia a faccia con Suzaku e qui la ragazza si presenta come Kozuki Karen, rinnegando la sua origine britanna e svelando la sua identità di Cavaliere Nero. Nonostante i tentativi di persuasione del ragazzo, Kallen afferma che non lascerà mai l’Ordine, in virtù del suo legame con il fratello scomparso e lasciando così intendere di voler portare avanti la sua battaglia. E’ inoltre una delle poche persone a conoscere la verità sulla morte del generale Kururugi, segreto svelatole dallo stesso Suzaku. Durante lo scontro finale, mentre l’Ashford viene preso d’assedio come quartier generale dell’Ordine dei Cavalieri Neri, Kallen brucia volontariamente la sua copertura davanti ai compagni del Consiglio Studentesco, garantendo loro l’incolumità. Ingaggiata battaglia con Suzaku, poi, senza esclusione di colpi e quasi avendone la peggio, la ragazza decide, sotto consiglio di Ougi, di recarsi a Kaminejima, alla ricerca di Zero, che ha abbandonato il campo di battaglia. Ed è qui che, shockata scopre in modo drammatico la verità: sentendosi tradita e usata da Lelouch, che non esita a confermare le sue parole, assiste incredula e in lacrime allo scontro tra questi e Suzaku.

Come infiltrata, incontriamo Kallen nella prima puntata, mentre lavora come coniglietta in un casinò chiamato Babel Tower, situato all'interno del ghetto di Shinjuku. Non sembra essere cambiata affatto, ed è ancora un membro dell'Ordine dei Cavalieri Neri. Dopo aver visto la morte con i suoi occhi a causa di uno scontro con il Lancelot, acquista delle nuove parti per il suo Guren Nishiki, costruite da Rakshata, le quali gli permettono di volare. Il nuovo nome del suo mecha è Guren Kashoushiki, che andando avanti con la serie si perfezionerà sempre di più, prendendo il nome di SEITEN. E' ancora molto innamorata di Lelouch, anche se cerca di non ammetterlo, e all'inizio continuava a distinguerlo da Zero, cercando di idolizzare la persona che in passato l'aveva molto delusa. Continuando ad andare avanti, diventerà una delle persone più vicine a lui, che cerca di capirlo e confortarlo con tutte le sue forze. Al contrario, però, si scopre che ad ammirarla è Gino Weinberg, Knight of Three dei Knight of Rounds. Nonostante la sua bravura in battaglia, verrà catturata dopo uno scontro con Xingke, che la consegnerà alla Britannia. Suzaku, convinto che lei conosca la vera identità di Zero, cerca di usare il Refrain su di lei, in modo che in stato confusionale, gli confessi la verità. Le lacrime della ragazza e il pensiero di diventare come Lelouch gli fanno cambiare idea, e l'unica cosa che ne guadagna è una raffica di pugni e l'odio della ragazza, che conserverà fino alla fine. Durante questo periodo, conosce meglio sia Nunnally (con la quale parla del fratello) che Gino. Viene liberata grazie all'aiuto di Sayoko che, sulle tracce di Nunnally, le consegna il Guren Seiten, con il quale fugge e finalmente torna dai Cavalieri Neri. Da questo momento in poi, anche lei, insieme agli altri, comincia a nutrire seri dubbi nei confronti di Lelouch. Al contrario dei suoi compagni, però, il suo unico pensiero è legato ai sentimenti del ragazzo, per i quali diventa ossessionata, decidendo di schierarsi dalla sua parte solo in caso il suo amore sia ricambiato. La prima volta che lo mette con le spalle al muro con questa decisione è durante il tradimento dei Cavalieri Neri, e dato che Lelouch le dice solo che lei è stata una pedina come tutti gli altri, ma aggiunge di vivere, lo lascia andar via, rimanendo nell'incertezza. In seguito a questa decisione, resta a combattere insieme alla sua squadra, affiancando i Knight of Rounds durante il patto stretto con Schneizel. Infatti, durante questo periodo, si avvicina molto a Gino, che le rivela di poter capire, anche se solo un po', i suoi sentimenti. Rosicherà in ogni momento per la posizione di C.C., fino alla decisione di voler uccidere Lelouch (infatti interrompe anche un momento romantico tra i due), lottando contro di lei e battendola. Alla fine, riuscirà a strappare un bacio al ragazzo che ama (che poverino la guarderà con lo sguardo spento e alquanto sbigottito), comprendendo che non prova niente per lei. Decide quindi di dirgli addio e di combattere senza remore fino alla fine. Durante l'ultima battaglia, distrugge il Lancelot Albion, con la collaborazione di Gino, e ad uccidere Suzaku. In seguito alla presa di potere di Lelouch, che si impossesserà del mondo intero, sarà una dei prigionieri da giustiziare durante la parata finale e verrà salvata dall'intervento di Zero. Alla fine della serie, la vediamo insieme alla madre (tornata a casa) mentre si dirige all'Ashford. Il ricordo di Lelouch resterà indelebile nel suo cuore.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale